• home /
  • ski civetta
  • /
  • forca rossa del pelmo: grandiosa scialpinistica tardo primaverile

Scialpinistica primaverile - estiva di grande soddisfazione, spesso con firn perfetto

  • skialp
  • /
  • 08/06/2021
  • Views 1600

La gita di sci-alpinismo alla Forca Rossa del Pelmo è una grande classica dello sci tardo primaverile e quasi estivo. Da precisare però che non è apprezza solo in estate o in tarda primavera, la salita con relativa discesa alla Forca Rossa è anche una delle più frequentate della zona in veste invernale.

Cima Forada e Cime Val d'Arcia
Si iniziano a vedere Cima Forada e Cime Val d'Arcia.

La Val d’Arcia è uno dei più grandi e gelidi frigoriferi delle Dolomiti Bellunesi. In inverno i metri di neve che qui si accumulano grazie alle copiose nevicate non vedono quasi mai la luce del sole e grazie alla quota elevata rimangono sempre fino ad estate inoltrata. Anche in agosto c'è ancora neve come potete vedere dalle foto del "giro estivo del Pelmo per Forcella Val d'Arcia".

Il particolare micro-clima che si crea in Val d'Arcia, il grandioso vallone nella parte alta del Pelmo, fa in modo che ad inizio estate o in tarda primavera ci sia ancora una grande quantità di neve lungo tutto il vallone e anche se gli immensi ghiaioni che scendono in direzione di Passo Staulanza.

Mettendo in conto di portare gli sci sullo zaino per qualche minuto, la gita alla Forca Rossa del Pelmo o alla vicina forcella Val d’Arcia è fattibile sempre fino in tarda primavera e in alcuni anni anche fino in estate.

Estate vs inverno
Si scia che sembra inverno ma gli occhi hanno un panorama estivo.

Con le pelli di foca alla Forca Rossa del Pelmo

Si può lasciare l’auto nel comodo parcheggio che si trova tre tornanti sotto Forcella Staulanza.

Il sentierino da seguire parte subito dal parcheggio. Camminare con gli sci in spalla e gli scarponi ai piedi non è del tutto agevole ma poiché non è pendente e non è rischioso, con calma si riesce a proseguire senza problemi.

Raggiunta la prima lingua di neve si mettono gli sci ai piedi e parte finalmente la gita di con le pelli di foca.

Prima neve
Prime lingue di neve per la salita alla Forca Rossa del Pelmo.

I pendii che risalgono fino alla Val d'Arcia inizialmente hanno una pendenza moderata che va via via ad aumentare fino a diventare molto sostenuta.

Quasi in Val d'Arcia
Ultimo "strappo" per ripidi pendii prima di sbucare in Val d'Arcia.

Prima di "entrare" nella meravigliosa vallata la pendenza è davvero sostenuta ed in caso di neve molto dura o ghiacciata bisogna prestare la massima attenzione!

Giunti in Val d'Arcia sia entra in uno dei degli ambienti più severi, imponenti e spettacolari del Dolomiti.

La poderosa parete Nord del Pelmo ci sovrasta mentre con gli sci si risale una ondulata e elegante valle sempre gelida e perfettamente innevata anche ad inizio estate.

Pelmo e val d'Arcia
Panoramica sul Pelmo e la Val d'Arcia, Dolomiti Bellunesi.

In questa zona delle Dolomiti si trova sempre della neve tant’è che fino a qualche anno fa il nevaio della Val d'Arcia era di dimensioni decisamente maggiori e raramente si riusciva a fare il giro del Pelmo senza calpestare la neve.

Skialp Val d'Arcia
Scialpinismo in Val d'Arcia del Pelmo, Dolomiti Bellunesi.

Giunti in prossimità della Forcella Val d'Arcia, opzione da prendere come meta della gita in caso di neve poco stabile, sulla nostra destra si stacca un bel vallone.

Questo è il vallone che scende dalla Forca Rossa ed è il canalone da risalire. Con calma e con un’infinità di inversioni lo si risale fino a raggiungere la forcella Forca Rossa quota 2621 m slm.

Sciatore in canale Forca Rossa
Uno sciatore si sta godendo la neve del canalone della Forca Rossa del Pelmo.

I più allenati e preparati dalla forcella possono salire con ramponi e piccozza in una ventina di minuti alla cima di Crode di Forca Rossa quota 2737 m slm.

Il panorama che si gode dalla cima Crode di Forca Rossa è indescrivibile: davanti a noi ci sono le mastodontiche e infinite pareti del Pelmo.

Crode Forca Rossa: panorama di vetta
Panoramica sul Pelmo dalla vetta di Crode di Forca Rossa, Dolomiti.

Verso Est possiamo ammirare il Cadore e tutta la parte di strada che porta a Cortina d'Ampezzo. Verso Ovest abbiamo tutto l'Agordino da ammirare e cime come la Marmolada ed il Sella da osservare.

La discesa avviene per la via di salita.

La discesa con gli sci direttamente dalla cima Crode di Forca Rossa è appannaggio dei più bravi e solo con condizioni di neve assolutamente assestata. Fino ad arrivare alla Forca Rossa non sono ammessi errori.

Canalone Forca Rossa
Il bellissimo canalone della Forca Rossa del Pelmo.

Dalla Forca Rossa ai parcheggi si scende per la via di salita con la libertà di scegliere il pendio migliore in base alla qualità della neve e pendenza desiderata.

Curve su firn
Con il firn giusti si possono lasciare bellissime curve lungo tutta la discesa.

Grazie alla particolare esposizione e pendenza della parte centrale e bassa della gita non è raro trovare un firn magnifico. Il firn è un particolare tipo di neve facilissimo da sciare e molto divertente, capace di far sentire qualsiasi sciatore un "vero campione".

Pelmo
I pendii di discesa dalla Forca Rossa del Pelmo: con il firn sono molto divertenti.

Una gita da 10 e lode a volte fino a giugno

La salita alla Forca Rossa del Pelmo è una tra le gite più belle che si possono fare in Dolomiti quando gli impianti sono chiusi e l'estate si avvicina.

Il contrasto che si crea durante la discesa soprattutto in tarda primavera è davvero affascinante: si scia su neve spesso perfetta e sembra di essere in pieno inverno ma davanti ai nostri occhi quest'angolo di vallata dell'Agordino è già verde in pieno risveglio estivo.

Contrasto stagioni
Contrasto di colori sciando in tarda primavera o estate.

Galleria 21 foto


Trova un alloggio qui vicino

Posizione geografica

Guarda sulla cartina dove si trova l'attività outdoor Forca Rossa del Pelmo: grandiosa scialpinistica tardo primaverile (skialp).

1600+18+1