Alleghe: sciare ai piedi del Civetta vista lago

  • intro
  • /
  • 12/07/2021
  • Views 2239

Alleghe è uno dei primi punti di accesso del Dolomiti Superski per chi proviene dalla Pianura Padana. Il paese, che si trova al centro dell'Agordino, ha "i piedi" che si bagnano nelle fredde e trasparenti acque del lago e la testa che tocca l'imponente parete rocciosa del Monte Civetta, montagna simbolo delle Dolomiti Venete.

Ski Civetta Alleghe
Panorama su Alleghe dallo Ski Civetta, porta di accesso del Dolomiti Superski.

Il centro turistico offre un'ampia gamma di servizi, alloggi, eventi e attività per bambini, giovani e sportivi. Ma come accade per tutto l'Agordino, anche per Alleghe uno degli elementi chiave della proposta turistica è l'autenticità. Queste valli e la gente che le abita hanno saputo mantenere intatto quello spirito che rende la montagna il magico mondo che tutti noi conosciamo. Ad Alleghe questo spirito si è mescolato ed ha saputo convivere con le necessità dettate dal turismo dei giorni nostri.

Alleghe
Alleghe e il suo magnifico lago visti dalle piste da sci dello Ski Civetta.

Per lo sci, da Alleghe partono i potenti impianti di risalita della skiarea "Ski Civetta". Dai 1000 m dei parcheggi si può arrivare in pochi minuti ai 2100 m del Col Fioret, punto privilegiato per ammirare non solo la parete del Civetta ma anche l'altro colosso che fa da cornice allo Ski Civetta, il Pelmo.

Sciare ad Alleghe

La skiarea di Alleghe può contare sulla pista più lunga e varia di tutto il comprensorio: la Gran Zuita. Si tratta di una pista rossa di media difficoltà che partendo dal punto più alto del comprensorio, ovvero dall'arrivo dell'impianto Col Fioret, scende senza soluzione di continuità fino ai 1000 m del Lago di Alleghe concatenando in 7 km di pista una magnifica sequenza di situazioni sciistiche molto varie: pista soleggiata, pista difficile ghiacciata, pendii medi all'ombra, tratti nel bosco, etc.

Si percorrono in seguenza la pista Fernazza fino a Prà della Costa ed in seguito la bella pista pista Lavadoi. La parte finale si prende evitando di tornare al Pian di Pezzè ma continuando per un lungo tratto in piano che passa sotto maestose pareti. Si può scegliere di tornare a valle scegliendo la pista rossa Rientro oppure la spettacolare variante "Ru de Porta" tracciato quest'ultimo che regala una insolita e privilegiata veduta sulle "viscere" del lato Nord del Civetta.

Monte Civetta
La "Parete delle Pareti": il monte Civetta.

Col de Baldi

Della skiarea di Alleghe fa parte un altra zona "big" di tutto il Dolomiti Superski ovvero il Col dei Baldi. Dalla sua sommità a poco meno di 2000 m di quota parte un carosello fittissimo di piste: dalle veloci e bellissime Baldi, Azzurra e, quando aperta la "Nera", passando per le più brevi Pelmo e Coldai che finiscono a Prà della Costa, ed arrivando fino alle superlative piste Belamont 1 e Belamont 2 (queste ultime sempre con una neve invernale farinosa compatta).

Il dedalo di bellissime piste da sci è servito dalla cabinovia Piani di Pezzè - Col dei Baldi un impianto che in 5 minuti e mezzo fa guadagnare quasi 500 m di dislivello.

Col dei Baldi
Il Col dei Baldi e le piste verso Nord Belamont. Sullo sfondo il Pelmo.

Dal Col dei Baldi parte anche la pista facile Pian dei Sec che permette di andare a sciare in Val di Zoldo oppure di rientrare a Pian Pezze passando in una gelida valle letteralmente ai piedi del Monte Civetta.

Da Prà della Costa si può tornare al Pian dei Pezzè anche sciando la bella pista Lavadoi oppure la sfidante pista Civetta che presenta un muro davvero molto pendente proprio nella sua parte finale.

Piani di Pezzè

Piani di Pezzè può essere considerato il "centro logistico" della skiarea di Alleghe. Qui si trovano la maggior parte dei rifugi e delle attrazioni per chi non scia. Ci sono due impianti dedicati a chi deve imparare a sciare, la seggiovia Baby e lo skilift Campo Scuola Mariaz quest'ultimo a servizio anche di uno snowpark dedicato a chi vuole muove i primi passi nella disciplina del freestyle (Baby Central Park).

Piani di Pezzè
Ai Piani di Pezzè ci sono impianti perfetti per bambin e principianti. Ci sono inoltre kindergarten e strutture per chi non scia.

Non solo sci

Alleghe non è solo sci! Ci sono moltissime altre attività che si possono fare nel paese ai piedi del Civetta: dalla semplice costruzione di un pupazzo di neve alla gita in motoslitta. Numerose sono le possibilità di escursioni e per lo scialpinismo. Da non perdere inoltre la passeggiata attorno al lago che in pieno inverno risulta ghiacciato.

Scuola di motoslitta

Per gli appassionati di motori al Col dei Baldi esiste l'unica scuola per motoslitte certificata in Italia la Sled Tech. La scuola permette di imparare le varie tecniche di guida delle motoslitte rilasciando un attestato di qualifica finale!

Scuola motoslitta
Il percorso usato per la scuola di motoslitta al Col dei Baldi di Alleghe.

Ally farm

Ai Piani di Pezzè, a fianco del Rifugio Grande Baita Civetta c'è l'Ally Farm una struttura con personale specializzato che permette ai genitori di esplorare lo Ski Civetta mentre i bambini giocano sulla neve.

Rifugi sulle piste e ricettività alberghiera adatta a tutti

Sono numerosi i rifugi e le baite presenti direttamente sulle piste. Ai Piani di Pezzè si trova il "Grande Baita Civetta" che dalla tarda mattinata in poi offre una grande terrazza all'aperto. A pochi metri si trova la Baita Scoiattolo ideale anche per uno spuntino veloce guardando le rosse cabine dell'impianto sfrecciare davanti la parete del Civetta.

In quota poco sotto la sommità del Col dei Baldi trova spazio l'omonimo Chalet spazioso sia all'interno che all'aperto.

Sciando sulla pista Fernazza poco sotto il Col Fioret è possibile fare una sosta presso il Ristoro La Ciasela. Sulle piste di rientro al Piani di Pezzè ci si può fermare per una birra al Ristoro Fontanabona dotato anche di tendone per fare apres-ski.

La ricettività alberghiera è di alto livello. Esistono strutture sia in centro paese che alberghi ed appartamenti posti sulle rive del lago. Non manca la possibilità di usufruire dei campeggi.

Le origini del Lago di Alleghe

Il simbolo più famoso di Alleghe, quello che in realtà è una delle sue più grandi "fortune" ovvero il lago in realtà nasce da un evento alquanto sfortunato. Nel 1771 dal Monte Piz si staccò una frana di dimensioni mostruose che andò a distruggere i villaggi che si trovavano ai suoi piedi. La montagna scivolò compatta lungo un piano ancora oggi visibile, il "Lastrogn de Piz" e si adagio a valle andando però a bloccare il corso del fiume Cordevole.

Il tratto del Cordevole interessato dalla frana è stato di oltre 1 km di lunghezza per una massa di detriti che rispetto al livello originario è stata di oltre 150 m.

Panorama su Alleghe e sul Monte Piz
Panorama su Alleghe innevata. Si vede il Lago, il centro abitato ed il Monte Piz con il "Lastrogn del Piz" da cui partì la frana che originò il lago.

Da quel momento le acque del Cordevole non riuscirono più a superare le rocce cadute e piano piano si formò un bacino d'acqua che diede vita al Lago di Alleghe. Solamente quando il livello dell'acqua raggiunse gli attuali circa 1000 m di quota il fiume torno a scorrere verso la valle dell'Agordino.


Galleria 14 foto


Trova un alloggio qui vicino

Posizione geografica

Guarda sulla cartina dove si trova l'attività outdoor Alleghe (intro).

2239+1129+1