Arabba - Marmolada: grande sci in Dolomiti

  • intro
  • /
  • 20/06/2021
  • Views 1389

Arabba - Marmolada è uno dei comprensori sciistici principali del Dolomiti Superski. È uno dei più famosi ed apprezzati comprensori sciistici non solo delle Dolomiti ma di tutte le Alpi: elevati dislivelli, piste bellissime (alcune molto difficili), panorami incredibili, eccezionali itinerari fuoripista e buona ricettività: ecco i punti di forza della località sciistica veneta a cavallo tra la Val Cordevole e la Val Pettorina.

Arabba Superski
Arabba è uno dei comprensori più grandi e centrali del Dolomiti Superski.

Le piste da sci di questa skiarea si snodano su una moltitudine di montagne e sono disposte su versanti diversi. La più famosa è sicuramente la Marmolada, la Regina delle Dolomiti sul cui ghiacciaio si sviluppano le piste più lunghe del Dolomiti Superski.

Altrettanto rinomato è il polo sciistico di Arabba - Porta Vescovo in cui si trovano tracciati impegnativi, sempre con ottima neve ed elevati dislivelli. L’offerta sciistica però non si ferma alle lunghe e sfidanti piste della Marmolada e di Porta Vescovo ma ad Arabba si possono far scorrere gli sci anche su tracciati soleggiati e molto facili. Nel comprensorio di Arabba infatti rientrano anche le facili piste di Passo Campolongo e del vicino Monte Cherz, le soleggiate piste di Passo Pordoi - Sass Becè e del Bec de Roces.

La cosa bella della skiarea di Arabba - Marmolada e la straordinaria varietà e "flessibilità" dell’offerta sciistica: come si può intuire dalla skimap i tanti versanti e località tutte collegate tra loro riescono a soddisfare qualsiasi tipo di esigenza per ogni categoria di sciatore. È istantaneo passare da una pista difficile, in ombra e ripida come per esempio la nera Fodoma ad una facile come quelle che si adagiano sui soleggiati e rilassanti pendii di Passo Pordoi. Chi scia ad Arabba - Marmolada sa che a fine giornata la voglia di sci sarà ben più che soddisfatta.

Pista Maria
Pista Maria, una facile e soleggiata pista di Passo Pordoi.

Il fulcro turistico del comprensorio sciistico è il centro abitato di Arabba. Ai piedi del Sella, a circa 1600 m di quota si è sviluppato negli anni il centro turistico di Arabba uno dei più rinomati del Veneto. Da villaggio di montagna, abitato da contadini e boscaioli, nei decenni recenti Arabba si è trasformata affermandosi con la sua ricettività alberghiera di qualità, con i suoi servizi eccellenti e, questione importante per gli sciatori, con i suoi potenti impianti di risalita come uno dei poli turistici di montagna più ambiti delle Alpi.

Le piste da sci si sviluppano in una pluralità di zona sciistiche ciascuna con il suo carattere e con le proprie caratteristiche. Gli impianti di risalita di Arabba - Marmolada sono prevalentemente veloci, ad alta portata e moderni. Perfettamente collegate sci ai piedi possiamo suddividere l'area sciistica (vedi la cartina skimap) in queste zone:

  • Monte Burz e Bec de Roces
  • Passo Campolongo e Monte Cherz
  • Porta Vescovo, Passo Padon e Passo Pordoi
  • Marmolada - Malga Ciapela e Rocca Pietore.
Panoramica da Porta Vescovo
Foto panoramica dalle piste da sci di Porta Vescovo, Veneto.

Per uno spuntino veloce o per un lauto pranzo sulle piste da sci ci sono numerosi rifugi per tutte le esigenze e tasche.

I due versanti sciistici che fanno da sfondo al paesino di Arabba sono collegati da una veloce e comoda seggiovia, impianto Arabba Fly, che correndo pressoché in orizzontale mette in comunicazione i due lati separati dal torrente Cordevole (a Sud il versante di Porta Vescovo a Nord quello del Monte Burz).

Personalmente trovo delizioso sciare le piste di Arabba oltre che, ovviamente, in pieno inverno anche in tarda stagione invernale e addirittura nella stagione primaverile. Infatti la quota e l’esposizione privilegiata delle piste di Porta Vescovo riescono a mantenere la neve dura e compatta anche ad aprile. Anzi proprio tra fine marzo ed inizio aprile non è raro trova sulle piste la neve di tipo firn, una delle più divertenti da sciare!

Piste di Porta Vescovo
Panoramica delle piste di Porta Vescovo, sullo sfondo il Sass Ciapel.

I punti di forza del comprensorio sciistico di Arabba sono l’estrema varietà di piste capaci di soddisfare sia il principiante che lo sciatore più esperto. Il particolare micro clima che si viene a formare tra Arabba, posto ai piedi del Sella, e Malga Ciapela in Val pettorina ai piedi della Marmolada fanno sì che la neve su queste piste sia sempre particolarmente abbondante e di qualità.

Altro indiscutibile vantaggio di Arabba e quello di essere uno dei poli del giro del Sellaronda, o giro dei quattro passi. Da Arabba infatti si può partire sci ai piedi e fare delle vere e proprie "gite" in Dolomiti. Arabba oltre ad essere uno dei paesi che si incontrano durante il Sellaronda è anche attraversato dall'affascinante Giro della Grande Guerra.

Porta Vescovo, Passo Padon e Passo Pordoi

La zona sciistica di Porta Vescovo, Passo Padon e Passo Pordoi è la più famosa e frequentata di Arabba. Le piste da sci che si snodano su Porta Vescovo sono tra le più lunghe, impegnative, difficili e belle del Dolomiti Superski.

Porta Vescovo
Panoramica sulle impegnative piste del versante di Porta Vescovo.

Dal centro abitato di Arabba parte in direzione Sud una fitta ragnatela di impianti: all'interno di una grande ed unica stazione di valle troviamo infatti un moderno funifor (Funifor Arabba - Porta Vescovo), una potentissima cabinovia doppio mono cavo ed infine un ulteriore cabinovia da 10 posti a cabina (cabiovia Portados).

Panorama dalle piste di Porta Vescovo
Il funifor di Arabba in volo davanti le Dolomiti di Fanes e del Santa Croce.

In quota, nei pressi della stazione intermedia del DMC Europa, in località Pescoi partono ulteriori seggiovie che permettono il collegamento tramite Passo Padon con la Marmolada.

Pescoi
Località Pescoi di Arabba, stazione intermedia della DMC Europa e partenza della seggivoia Sass de la Vegla.

Saliti alla Porta Vescovo a 2478 m slm sciando verso Ovest con la lunga cabinovia Fodom si raggiungono gli impianti che portano al soleggiato Passo Pordoi e Sass Becè. Qui troviamo le facili piste della zona Saletei ideali per i principianti e le stratosferiche piste Belvedere (1 e 2) servite dalla veloce seggiovia Lezuo sempre soleggiate e con ottima neve fino ad aprile.

Mentre le piste di Porta Vescovo sono esposte a nord e quindi per gran parte dell’inverno sono maggiormente all’ombra (questo garantisce una buona qualità della neve) le piste di Passo Pordoi sono molto dolci e soleggiate per gran parte della giornata.

Sciare a Passo Pordoi
Panorama sulle bellissime piste della skiarea di Passo Pordoi - Sass Becè.

Molto dolci ed ideali per i principianti sono anche i tracciati che da Pescoi vanno verso il Passo Padon (pista blu Sass de la Vegla e pista Mesola). Una volta giunti a Passo Padon, dopo aver ammirato il ghiacciaio della Marmolada si scia una lunghissima e panoramica pista rossa (pista Padon A) che passando per Passo Fedaia porta direttamente alla stazione di partenza della Funivia della Marmolada a Malga Ciapela (nel territorio del Comune di Rocca Pietore).

Passo Fedaia
Pista Bellunese nei pressi di Passo Fedaia.

Marmolada - Malga Ciapela e Rocca Pietore

Dal piccolo borgo di Malga Ciapela parte una ardita funivia va e vieni bifune che in tre tronconi fa salire lo sciatore di oltre 1800 m di dislivello (ben 1823 m per la precisione). La funivia della Marmolada parte infatti da Malga Ciapela a quota 1446 m slm ed arriva a Punta Rocca a quota 3269 m slm.

Punta Rocca
Il punto più alto del comprensorio del Dolomiti Superski, l'arrivo della funivia della Marmolada a Punta Rocca.

La pista che da Punta Rocca (raggiungibile anche con gli sci da scialpinismo) scende fino a Malga Ciapela passando per Passo Fedaia è la famosa Pista Bellunese uno dei tracciati con il maggior dislivello e lunghezza delle Alpi.

La zona sciistica della Marmolada non è solo sci in pista, infatti il ghiacciaio della Marmolada (o meglio quello che ne rimane) si presta magnificamente alla pratica dello sci fuoripista. Sono conosciuti in tutto il mondo le sue discese: la Lydia, Intra i Sass, Bellunese Vecchia e itinerario di Pian Trevisan che porta fino ad Alba di Canazei.

Ghiacciaio della Marmolada
Il ghiacciaio della Marmolada visto da Passo Padon, Dolomiti Superski.

Monte Burz e Bec de Roces

Il Monte Burz è un piccolo colle che separa il Sella da Arabba. Un veloce impianto di risalita, la seggiovia Burz, parte dal bordo del centro abitato ed in pochi minuti porta a quota di 1936 m slm. Le piste del Monte Burz e del vicino Bec de Roces sono in prevalenza di media difficoltà e molto soleggiate.

Il versante del Burz si può definire, in antitesi con l'ombroso versante di Porta Vescovo, il lato soleggiato e "delicato" di Arabba. Oltre ai tracciati serviti dall'impianto del Monte Burz vi sono le piste servite dall’impianto Le Pale che sale fino ai 2100 m slm del Bec de Roces.

Bec de Roces
Panorama dal Bec de Roces, sullo sfondo si vedono le piste del Monte Cherz.

Passo Campolongo e Monte Cherz

Sempre sotto il cappello di Arabba ci sono le piste che si snodano attorno al Passo Campolongo il valico stradale a quota 1875 m slm che mette in comunicazione Arabba con l'Alta Badia.

Questa zona è una piccola perla sciistica. Sia il versante che dal passo risale verso il Bec de Roces con la veloce seggiovia Campolongo - Bec de Roces che il versante Est ovvero il Monte Cherz offrono piste da sci che nonostante i dislivelli contenuti hanno qualità della neve sempre molto alta e peculiarità che le rendono molto piacevoli da sciare più e più volte di seguito.

Passo Campolongo
Panorama sulle piste ed impianti di risalita di Passo Campolongo tra Arabba e Alta Badia.

Fuoripista e freeride

Il comprensorio è molto apprezzato anche dai fuoripistaioli.

Marmolada fuoripista
Il grande ghiacciaio della Marmolada paradiso per il fuoripista.

La neve che in quest’angolo delle Dolomiti è sempre molto abbondante consente di sciare boschetti, pendii aperti, canali e una infinità di itinerari tra la Marmolada, il Sella e la Porta Vescovo. La pratica dello sci fuoripista tuttavia non va presa sottogamba e va praticata solamente se in compagnia di persone esperte e consapevoli dei rischi che si corrono.

Una delle discese iconiche di Arabba è la Direttissima dal Piz Boè (Val delle Fontane), una discesa letteralmente "a goccia d'acqua" dal Piz Boè (punto più alto Sella) fino ad Arabba.

Ricettività alberghiera

La ricettività alberghiera è piuttosto buona. È possibile dormire sia nel centro abitato di Arabba sia in prossimità di Malga Ciapela o nel vicino polo turistico di Rocca Pietore.

Come arrivare

Si intuisce che Arabba è magnificamente collegata sci ai piedi con i grandi e famosi poli turistici della Val di Fassa e dell’Alta Badia. I collegamenti stradali però sono meno agevoli.

Per arrivare ad Arabba o a Malga Ciapela - Rocca Pietore con la macchina è possibile percorrere l’autostrada A22 del Brennero uscire a Egna-Ora e percorrere tutta la Val di Fiemme, Val di Fassa, fare il valico del Passo Pordoi, e scendere ad Arabba, oppure fare il Passo Fedaia (quando aperto) e scende a Malga Ciapela.

Per chi proviene dalla pianura è possibile raggiungere Arabba percorrendo la strada statale dell’Agordino e superato Agordo proseguire incontrando i centri turistici di Alleghe e poi Caprile. Giunti a Caprile si può raggiungere Arabba oppure Rocca Pietore.

Per chi proviene da Nord è possibile raggiungere Arabba percorrendo la strada della Val Badia trasitando per il valico di Passo Campolongo scendendo fino ad Arabba.


Galleria 21 foto


Trova un alloggio qui vicino

Posizione geografica

Guarda sulla cartina dove si trova l'attività outdoor Arabba - Marmolada (intro).

1389+199+1